lunedì , 21 Settembre 2020
Home » Gossip » Il forfait di Gloria Gaynor a Rimini

Il forfait di Gloria Gaynor a Rimini

Atteso da mesi il suo concerto, per problemi di insolvenza e cattiva gestione, Gloria  Gaynor ha dato forfait a Rimini lasciando il pubblico in un mare di polemiche.

Gloria Gaynor, la regina della disco music anni ’70, si sarebbe dovuta esibire sabato 16 agosto a Rimini, in piazza Fellini.
Per assistere al concerto sono arrivate persone da tutta Italia occupando, oltre l’intera piazza, anche gli alberghi, gli ostelli e i bed & breakfast della città. Un’economia che avrebbe fatto entrare denaro nelle casse di tutti ma, proprio un problema legato ai pagamenti è stato annullato il concerto.

Ad organizzare l’evento The best disco in town è stata la società Succi&partners di Gianni Succi. Tutto era pronto per cominciare ma qualcosa è andato storto. Dopo l’esibizione dell’Ensemble Symphony Orchestra e delgruppo soul The Trammps, che erano stati chiamati per aprire la serata al concerto vero e proprio della Gaynor, l’organizzatore ha dovuto annunciare che, benchè Gloria Gaynor fosse già all’interno del camerino, il suo agente ha deciso di non farla esibire. Al suo posto ci sarebbe stato un dj set. La causa di tutto ciò riguarda il mancato pagamento del restante 20% del cachet.

Il pubblico, già infastidito dall’attesa e dalle innumerevoli pause, non ha retto anche a questa notizia. Centinaia e centinaia di persone hanno cominciato ad urlare sotto il palco, prendendosela con l’organizzazione e chiedendo la restituzione dei soldi del biglietto. Gianni Succi, scortato per sicurezza dalle forze dell’ordine, ha poi confessato in caserma di essere stato abbandonato all’ultimo momento da un partner. Avrebbe quindi chiesto ad un amico di versare l’ultima parte della quota prevista per il cachet di Gloria Gaynor oltre che la messa a disposizione del service per la serata.

Ma a qualche ora dal concerto l’agente della cantante non ha visto incassati gli ultimi soldi e quindi, sentendo puzza di bruciato, ha preferito non far esibire Gloria Gaynor. Intanto l’artista non è rimasta con le mani in mano e sul suo account twitter ha scritto “Cari amici di Rimini, era tutto pronto per lo spettacolo ma abbiamo rinunciato appena saputo che l’organizzazione non avrebbe potuto pagarci. Torneremo. #wewillsurvive“.

Se la promessa della Gaynor è quella di tornare a Rimini, magari con un’altra organizzazione, la promessa degli albergatori della città è quella di non farla passare liscia alla Succi&partners in quanto anche loro avrebbero perso i soldi delle camere prenotate.



Guarda Anche

U2 a Torino: tra pizze ai fan e minacce di suicidio

Cari amici, mentre vi scriviamo il concerto degli U2 non è ancora iniziato. Sicuramente sarà un successo, come tutte le altre tappe del tour mondiale.