lunedì , 19 Ottobre 2020
Home » Gossip » Il look nudo di Valeria Marini al red carpet
valeria marini red carpet

Il look nudo di Valeria Marini al red carpet

Valeria Marini ha presenziato come ospite alla 72esima Mostra del Cinema di Venezia. Valeria ha sfilato sul red carpet ed il suo look nudo è stato criticato.

Pochi giorni fa la nostra Valeria Marini è stata paparazzata tra le spiagge di Formentera in bikini. La statuaria showgirl è stata spesso presa di mira per i suoi microscopici costumi da bagno e per le sue forme rotondeggianti.

Adesso però la Valeriona Nazionale attira un’altra volta su di sè l’attenzione con un look decisamente tendente al nudo. La Marini si è recata a Venezia in occasione del Festival di Venezia 2015 ed ha sfilato sul red carpet  in abito lungo trasparente e nudo in più punti. Il vestito era tenuto solo da due fasce incrociate lungo la schiena fino a ricongiungersi sotto il fondo schiena. La parte davanti mostrava un decolletè alquanto generoso tutto tempestato di strass e brillantini.

Valeria Marini sfila così sul tappeto rosso presenziando come ospite alla settantaduesima Mostra del Cinema di Venezia in occasione della proiezione del film  “Sangue del mio sangue” di Marco Bellocchio.

E’ inutile dire che tutti i fotografi hanno immortalato Valeria Marini  riprendendola da tutti i lati. Chiaramente non sono mancati i detrattori che hanno criticato aspramente il look nudo della Marini asserendo che l’abito non era adatto al contesto chic della Mostra del Cinema. Valeria è stata anche criticata per aver indossato delle scarpe con i tacchi alti, per aver messo un’ abito stretto e molto scollato.

La Marini sapeva già in precedenza che parecchi detrattori l’avrebbero criticata per quell’abito ma sicuramente la showgirl conosce bene il termine “nel bene o nel male, l’importante è che se ne parli”.



Guarda Anche

Valeria Marini

Valeria Marini dice addio ad Antonio Brosio: ora esce con un noto avvocato

Valeria Marini ha definitivamente chiuso, in gran segreto, la storia con Antonio Brosio. E nel frattempo …