Home » Salute e Benessere » I benefici delle spezie: perché fanno bene alla nostra salute
spezie

I benefici delle spezie: perché fanno bene alla nostra salute

L’uso delle spezie come rosmarino, garofano, curcuma, peperoncino e molte altre si perde nella notte dei tempi e la loro diffusione è universalmente riconosciuta.

La scienza alimentare scopre continuamente nuove proprietà benefiche ed è per questo che è consigliabile usarle sia in cucina che per le tisane o le tinture. Di seguito vi suggeriamo quali sono le proprietà benefiche di alcune spezie che potete anche acquistare online, ad esempio alla pagina dedicata di Aidagreen.it, un sito e-commerce specializzato nella vendita di prodotti biologici.

Chiodi di garofano e cannella

Sono spesso spezie usate insieme per il loro gradevole profumo persistente sia per i dolci che per i piatti salati. I chiodi di garofano alleviano i dolori dell’artrite e le infiammazioni e sono anche utili come antibatterico naturale anche in infuso, che può diventare un collutorio. La cannella invece agisce sui livelli di glicemia abbassandoli e, come i chiodi di garofano, concorre ad alleviare l’artrite. Ottima per la memoria è utile da usare contro i malanni di stagione sotto forma di tisana. Ha anche proprietà antitumorali.

La curcuma e il curry

La curcuma come il curry ha origini orientali. La prima è una spezia le cui qualità sono davvero straordinarie perché è un ottimo antinfiammatorio e combatte il diabete di tipo 2.
E’ utile dopo un periodo di convalescenza per rafforzare le difese immunitarie e allevia anche gli stati dolorosi. E’ un potente antiossidante. Per la medicina alternativa è addirittura una sostanza curativa.
Il curry è un insieme di diverse spezie che arrivano dall’India. Contiene infatti, oltre alla stessa curcuma, anche pepe nero, cardamomo, peperoncino, cumino, coriandolo, cannella e altre spezie che ne fanno un mix benefico portentoso. Più precisamente esistono diversi tipi di curry e di altri preparati dove sono mescolate diverse spezie che vengono chiamati in India con il nome di “masala” cioè miscele.

Pepe e peperoncino

Non sono la stessa cosa: del pepe esistono diverse varietà (pepe nero, pepe bianco, pepe verde solo per citarne alcune che arrivano anch’esse dall’India e il pepe rosa che arriva dalle Ande). E’ una delle spezie più usate nella medicina ayurvedica soprattutto come afrodisiaco ma anche per curare le affezioni dentarie. La “piperina” contenuta nel pepe è un ottimo coadiuvante per chi intende perdere peso perché inibisce l’accumulo di adipe.
Il peperoncino, molto apprezzato anche in Italia, contiene importanti quantità di vitamina C ed è ottimo nel caso di sinusiti e raffreddori per liberare le vie aeree. Agisce contro i radicali liberi e ha riconosciute proprietà afrodisiache perché è vasodilatatore. E’ controindicato quindi per le persone ipertese, che soffrono di irritazione gastrica o sono affette da emorroidi in quanto irritante.

Zenzero e Zafferano

Lo zenzero è ottimo come antipiretico e antinfiammatorio dunque per i malanni di stagione, soprattutto infuso in una tisana. Lo zenzero, insieme alla curcuma e al rosmarino può essere usato durante la cottura della carne alla brace per abbassare fino al 40% il potenziale cancerogeno delle parti troppo cotte.
Lo zafferano, tra le spezie più rare e pregiate, è indicato per chi soffre di depressione e sbalzi d’umore ma deve essere assunto in piccole dosi e mai durante la gravidanza.



Guarda Anche

ued gioco

Il casinò online piace anche al pubblico femminile: ecco i dati che lo confermano

I giochi del casinò sono una prerogativa più degli uomini o vengono praticati anche dalle …